il Listone

Ogni italiano dovrebbe poter dare il suo contributo al Paese

25 settembre 2006

Interceptor

interceptor
Copyright ©2006 AIS / RadarCo

In questo periodo si fa un gran parlare della questione "intercettazioni". E' giusto origliare come nei migliori film di Alvaro Vitali? E' giusto utilizzare quanto acquisito, anche illegalmente, per rilevare un reato, magari commesso da un politico? E' giusto emettere in tutta fretta un decreto che funga da "hard reset" di illegalità e coscienze?

Per agevolare una risposta a queste domande, è bene prima guardare alla legislazione vigente, in modo da usare una sana e mai vetusta "interpretazione estensiva".

Il filo conduttore di tutta la questione è la Privacy ed è quindi segnalando la legge omonima che inizio la disamina. A questo proposito faccio notare una prescrizione del Garante stesso, consultabile qui. In sintesi vengono scagionati (anche a norma del codice penale) i giornalisti che pubblicano le intercettazioni, purché essi rispettino la deontologia professionale e le intercettazioni siano pertinenti all'oggetto trattato (diritto di cronaca) e non lesive della dignità altrui.
Sintesi della sintesi: tanto rumore per nulla.

E se il materiale è stato acquisito senza autorizzazione preventiva?
Qui sta la vera e propria materia del contendere. Qualsiasi fotografo o regista sa che egli può ritrarre personaggi pubblici in pubblica piazza, senza bisogono di liberatoria (necessaria invece per ritrarre soggetti privati riconoscibili o personaggi pubblici in ambito privato), come da legge 633/41 artt. 96 - 97 - 98.
A corredo segnalo anche la questione delle caselle e-mail di lavoro. Non tutti sanno che usare la propria casella di lavoro per fini privati che snaturino l'uso professionale della casella stessa, è giustificato motivo di licenziamento. Tradotto, non chattare con gli amici usando la mail d'ufficio.

Considerando quanto sopra citato, io penso che la questione delle intercettazioni ottenute illegalmente sia risolvibile in questo modo:
  • Se il telefono (fisso o mobile) intercettato era pubblico (ovvero pagato da noi contribuenti), l'intercettato doveva usarlo solo per motivi di lavoro e non per fare i suoi (loschi) interessi
  • Se il telefono intercettato era privato (ovvero non statale e non rimborsato), era necessaria una richiesta preventiva al giudice competente.
Quindi, nel primo caso, è giusto affidare le intercettazioni integrali al vaglio di un giudice per proseguire o meno le indagini, nel secondo caso, è giusto distruggere quanto acquisito. Mi spaventa pensare che chiunque potrebbe prendere l'iniziativa di intercettare chicchessia senza prima avere un'autorizzazione. Questo principio non deve passare. Diverso è il discorso dell'intercettazione di telefoni pubblici. Se un personaggio pubblico usa un telefono pubblico, si prende i rischi del caso, tenuto conto che i "rischi" dovrebbero essere mera attività istituzionale.

19 settembre 2006

New Politik

italiani

Nel pubblicare un post di apertura di un blog come questo, viene il blocco dello scrittore. Ho impiegato 10 minuti a scrivere la prima frase, quella sul "blocco" ed ora impiego questo secondo periodo nel compiacermene.

Ma perché aprire un blog se poi non si sa cosa scrivere?

Eh no, il problema è l'opposto. Ho talmente tanti sassolini da togliere, bile da drenare e pesi da alleggerire, che mi si sono accalcati tutti sulla soglia dell'encefalo.

La situazione appena descritta non è solo di mia prerogativa, ma di tutti i curatori del presente blog e di colori i quali vorranno commentarne gli articoli. Siamo gente stra-comune che semplicemente vuole che le cose vadano in maniera diversa in Italia.

E se la politica la facesse la gente per la gente? La rete ci fornisce delle opportunità incredibili che ancora nessuno sfrutta in pieno. Un governo, prima di prendere decisioni fondamentali dovrebbe aprirsi alle opinioni degli specialisti in materia. Non i "soliti noti" consulenti governativi, ma il popolo. Chi lo dice che ognuno di voi non potrebbe avere un consiglio utile o una proposta innovativa? Che democrazia è quella che da un certo gradino in giù della scala di comando, nega gli accessi?

Sotto elezioni siamo la merce più rara e curata della nazione, poi improvvisamente torniamo a diventare carne da macello, da tagli occupazionali, da fregature finanziarie...

Tutto questo può cambiare. Siamo riusciti a costruire un'enciclopedia senza editori: Wikipedia, possiamo riuscire a costruire una classe politica senza politici, per una new politik. Solo un sogno?